Le nostre tartaughe palustri

Informazioni e richieste per ogni tipo di animale da laghetto.

Moderatore: Gianluca

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi laefra » lun mag 14, 2012 1:24 pm

io adoro le emys, ho la sottospecie galloitalica e le mie sono in regola e nate in cattività. è vietatissimo prelevarle in natura.
laefra
 
Messaggi: 58
Iscritto il: sab gen 07, 2012 11:19 pm

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi mr82 » mer apr 10, 2013 8:06 pm

Ciao a tutti.
Vi presento le mie 4 tarta. Sono delle trachemys scripta, una però dev'essere un ibrido di Trachemys scripta elegans ha le orecchie di un arancione schiarito.

Immagine

Uploaded with ImageShack.us
Sono 2 maschi (Kenta e Frankie) quelli a destra, mentre le altre 2 sono femmine (Sophie e Maori).
Ciao.
M. Rosaria

"In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso."
Aristotele
Avatar utente
mr82
 
Messaggi: 302
Iscritto il: lun lug 02, 2012 5:18 pm
Località: Casarano (LE)

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi Cyn 59 » gio apr 11, 2013 7:20 am

Sono stupende. :P
Mi hanno detto che si distinguono i sessi in base a come tengono la coda. Se la tengono girata a destra o a sinistra .... è vera sta cosa ???? :roll: :?
Cinzia
Avatar utente
Cyn 59
 
Messaggi: 10773
Iscritto il: lun ott 12, 2009 6:19 pm
Località: Bologna

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi Alen » gio apr 11, 2013 7:49 am

bellissime! però non vedo quella con le orecchie arancioni :mrgreen:
non si distinguono da come tengono la coda ma dalla sua dimensione, i maschi hanno la coda grossa e lunga, le unghie molto lunghe e il piastrone concavo ;)
Avatar utente
Alen
 
Messaggi: 1144
Iscritto il: lun ott 12, 2009 6:56 pm
Località: Sicilia

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi mr82 » gio apr 11, 2013 1:21 pm

@ Cyn: da quanto ne so, come dice Alen, il sesso si distingue:
- dalla forma del piastrone (se e' piano e' femmine se e' concavo maschio perché serve per andare comodo a montare la femmina per l'accoppiamento);
- dalla lunghezza delle unghie delle zampe anteriori (se maschio sono lunghe);
- dalla lunghezza e dalla forma della coda (se non ricordo male quella del maschio e' più snella e corta)
- dalla posizione della cloaca, pero' non ricordo se il maschio ce l'ha più distante o più vicino alla base della coda;
- dalla dimensione (la femmina, a parità di eta', e' molto più grande del maschio).
Se ho detto qualche fesseria correggimi pure Alen. E' quanto ho capito quando la veterinaria ha visitato le mie tarta.

@Alen: per far vedere il colore strano delle orecchie di una ti faccio Una foto frontale.

Ciao
M. Rosaria

"In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso."
Aristotele
Avatar utente
mr82
 
Messaggi: 302
Iscritto il: lun lug 02, 2012 5:18 pm
Località: Casarano (LE)

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi mr82 » gio apr 11, 2013 1:25 pm

@ Alen: scusa, non avevo letto il tuo intervento in cui già spiegavi la differenza tra maschio e femmina. :roll:
M. Rosaria

"In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso."
Aristotele
Avatar utente
mr82
 
Messaggi: 302
Iscritto il: lun lug 02, 2012 5:18 pm
Località: Casarano (LE)

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi Cyn 59 » gio apr 11, 2013 7:36 pm

OKKKKK ora che l'ho letto 2 volte, potrei anche credervi ...... :lol: :lol: :lol:
Cinzia
Avatar utente
Cyn 59
 
Messaggi: 10773
Iscritto il: lun ott 12, 2009 6:19 pm
Località: Bologna

Re: Le nostre tartaughe palustri

Messaggiodi Alen » gio apr 11, 2013 9:16 pm

a Cyn: :lol: beh, meglio 2 risposte che nessuna, almeno tolgono ogni dubbio :lol: ;)
a mr: il maschio ha la coda più grossa e lunga perchè contiene l'organo riproduttore, sono le femmine che la hanno piccola ;)
Avatar utente
Alen
 
Messaggi: 1144
Iscritto il: lun ott 12, 2009 6:56 pm
Località: Sicilia

Precedente

Torna a Altri animali da laghetto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron